Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Può conoscere tutti i dettagli sul nostro adeguamento GDPR e Cookies consultando la nostra privacy policy.
Ok

Non solo cibo

person Pubblicato da: Alibambu' list In: Il Bambu' Sopra: comment Commento: 0 favorite Colpire: 195

La sostenibilità di una casa in Bambù

Leggero, flessibile, resistente, sostenibile. Le proprietà del bambù sono innumerevoli e non stupisce che, specie negli ultimi anni, sia stato rivalutato come materiale per le costruzioni. Disponibile in grandi quantità in natura, anche per via di una crescita molto veloce – nel giro di 3-5 anni dal taglio infatti raggiunge le altezze e gli spessori utili al nuovo taglio –  il bambù è estremamente economico. Anche la grande leggerezza contribuisce a una drastica riduzione dei costi legati alla raccolta e al trasporto, a beneficio dell’intera filiera. Da un punto di vista di sostenibilità ambientale il bambù non soltanto è un prodotto naturale ma pare abbia la capacità di assorbirequantitativi di anidride carbonica maggiori rispetto ad altre specie di arbusti. Secondo gli ultimi dati dell’Inbar (International Network for Bamboo and Rattan) un ettaro di bambù sarebbe in grado di catturare 30 tonnellate di CO2 nell’arco di una decina di anni.

Ma c’è una caratteristica che rende il materiale particolarmente interessante rispetto ai ‘competitor’, anche quelli green, che è la resistenza. Grazie alla flessibilità e alla sua struttura cava e tubolare che nel corso dei millenni si è evoluta per adattarsi e resistere al forte vento del suo habitat naturale, il bambù ha sviluppato delle ottime proprietà meccaniche. La sua robustezza, con delle prestazioni molto simili a quelle dell’acciaio (non a caso è stato ribattezzato l’acciaio vegetale), lo rende ideale come materiale antisismico. Ed è proprio questo il fronte in cui si sta investendo molto, anche per via di alcuni risultati incoraggianti riscontrati in alcune aree colpite da eventi sismici devastanti.

Il terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito l’Ecuador nell' aprile del 2016 ha provocato oltre alle perdite in termini di vite umane, con 650 vittime e oltre 12000 feriti, anche il crollo di circa 7mila edifici. A differenza delle case e scuole realizzate in cemento armato che sono andate distrutte nella maggior parte dei casi, specie nelle cittadine vicino all’epicentro, le costruzioni in bambù hanno invece resistito

Quindi non solo cibo, ma anche notevole resistenza, che ha portato molti a definirlo come l'"acciaio vegetale". 

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Nuovo Registro conti

Already have an account?
Entra invece Oppure Resetta la password